Misure anti Covid-19 spingono in alto PIL Svizzera nel 3° trimestre (+1,7%)

Redazione

26 Novembre 2021 - 09:29

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Consumi privati sono in forte ripresa. Il PIL nel 3° trimestre si è mantenuto superiore ai livelli pre-crisi nel 4° trimestre 2019 oltre l’1 %.

Misure anti Covid-19 spingono in alto PIL Svizzera nel 3° trimestre (+1,7%)

Dopo l’incremento del 1,8 % registrato nel 2° trimestre, il PIL svizzero è cresciuto dell’1,7 %. Un risultato molto positivo che si rifletteanche sul mercato del lavoro. L’ulteriore allentamento delle misure anti COVID-19 ha determinato un notevole aumento del valore aggiunto nei servizi più colpiti dalle restrizioni. Anche i consumi privati sono in forte ripresa. Nel complesso, il PIL nel 3° trimestre si è mantenuto superiore ai livelli pre-crisi nel 4° trimestre 2019 di più dell’1 %.

I settori più forti

I settori in maggiore crescita nel 3° trimestre sono stati i servizi più colpiti dalle restrizioni applicate nel corso dell’emergenza Covid.
Il settore alberghiero e della ristorazione - cresciuto del 110,6 % nel terzo trimestre 2021- ha riguadagnato terreno dopo la riapertura di bar e ristoranti. Eppure, il valore aggiunto del settore alberghiero e della ristorazione è rimasto molto al di sotto dei livelli pre-crisi.
Anche il settore dell’arte, dell’intrattenimento e delle attività ricreative (+24,9 %. Dato al netto degli eventi sportivi +9,4 %) ha fatto segnare un incremento marcato in seguito agli allentamenti. In linea con la crescente mobilità della popolazione, è continuata la ripresa del settore dei trasporti e delle comunicazioni (+ 4,4 %). Anche la maggior parte degli altri rami del terziario ha registrato una crescita.

Commercio in calo
Il commercio (−3,9 %) ha accusato un notevole calo del valore aggiunto. Nel commercio al dettaglio (−4,1 %), il fatturato si è normalizzato dopo il forte aumento del trimestre precedente. In particolare, sono diminuiti gli acquisti di generi alimentari, arredi ed elettronica, mentre altre spese per i consumi (viaggi, servizi al ristorante, tempo libero e cultura) hanno registrato un incremento consistente. Nel complesso, la ripresa dei consumi privati (+2,7 %) ha mantenuto l’andamento molto positivo del trimestre precedente. In linea con questa tendenza, le importazioni (+3,1 % esclusi gli oggetti di valore) hanno registrato un aumento significativo.

Investimenti edili stabili

Al contrario, gli investimenti edili (+0,1 %) hanno subito uno stallo, che riflette la crescita contenuta del valore aggiunto nell’edilizia (+ 0,2 %). Gli investimenti in beni di equipaggiamento (−1,3 %) hanno registrato una lieve flessione dopo un trimestre positivo. Gli investimenti volatili in ricerca e sviluppo hanno accusato un calo dopo un trimestre caratterizzato da una forte crescita; inoltre, le difficoltà di approvvigionamento a livello globale hanno ostacolato, ad esempio, gli investimenti in automobili.

Produzione
Nel settore industriale, è diminuita la fabbricazione di prodotti in metallo e di veicoli. L’industria chimico-farmaceutica ha invece conosciuto nuovamente una forte espansione. Nel complesso, l’industria manifatturiera (+2,0 %) ha registrato una crescita considerevole. Di conseguenza, le esportazioni di merci - escluse le merci di valore - sono aumentate (+2,3 %), mentre le esportazioni di servizi (−2,2 %) sono si sono ridotte.

Argomenti

# PIL
CAMBIO EURO/FRANCO SVIZZERO

-

-

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.