Manca personale a causa del Covid: trasporto pubblico ridotto

Laura Bordoli

11/01/2022

11/01/2022 - 17:49

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Diverse aziende svizzere di trasporto pubblico hanno ridotto le corse e i collegamenti a seguito della mancanza di personale dovuta al Covid.

Manca personale a causa del Covid: trasporto pubblico ridotto

La variante Omicron, che ora rappresenta il 56.3% dei nuovi positivi in Svizzera, non arresta la sua corsa nel Paese e circa 150’000 persone si trovano attualmente in isolamento o in quarantena.
Questa situazione sta creando numerosi disagi in molti settori a causa della mancanza di personale costretto a casa per colpa del Covid-19.
In particolare, a causa dell’assenza di molti dipendenti, molte società di trasporto pubblico hanno introdotto limitazioni: diversi collegamenti sono stati soppressi o ridotti negli ultimi giorni.

Le aziende coinvolte

La situazione è particolarmente tesa soprattutto per le Ferrovie Federali Svizzere, che hanno già un problema di mancanza di macchinisti e da ieri hanno cancellato due dei sette treni che ogni giorno collegano Ginevra a Parigi.
Anche l’impresa ferroviaria italo-svizzera Tilo, che gestisce il traffico regionale in Ticino e in parte della Lombardia, ha prorogato sino a nuovo avviso le limitazioni introdotte dalla fine dell’anno che prevedono servizi ridotti sulle tratte Biasca-Como, Biasca-Malpensa e Como-Mendrisio-Varese.
In aggiunta le Fart hanno ridotto l’offerta per lo stesso motivo. Le autolinee regionali del Locarnese hanno infatti comunicato che, a partire dal 3 gennaio, l’orario domenicale verrà esteso a tutti i giorni della settimana.
La misura determina una limitazione delle corse per le linee urbane “1 Gordola - Tenero - Locarno - Ascona - Losone” e “7 Locarno - Losone”: nelle ore di punta circoleranno corse ogni 15 minuti anziché 10 minuti.
Tuttavia, le Fart hanno assicurato che l’orario generalizzato della domenica consente di mantenere le coincidenze in tutta la regione anche con le altre linee e i trasporti delle altre imprese a Locarno Stazione e presso altri nodi di interscambio.

Nel resto della Svizzera

L’offerta è stata ridimensionata anche a Friburgo, Zurigo, Winterthur e Ginevra.
In particolare, i trasporti pubblici friburghesi hanno scelto di diminuire la frequenza delle corse. La cadenza di 7 minuti e mezzo è passata a 10 minuti.
Altra soluzione implementata a Zurigo è la soppressione di linee meno rilevanti.
A Winterthur, l’azienda locale si è messa alla ricerca di autisti supplementari, mentre a Ginevra ferrovie federali e francesi sono state costrette ad annullare diversi collegamenti transfrontalieri. Anche qui si passa a una cadenza ridotta alla mezz’ora.