Mercato immobiliare, le case disponibili sono sempre meno. Anche in Ticino

Chiara De Carli

12/09/2022

12/09/2022 - 11:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Le più richieste? Le case nuove. Mentre rimane elevata la disponibilità di trilocali e quadrilocali.

Mercato immobiliare, le case disponibili sono sempre meno. Anche in Ticino

Le case vuote sono sempre meno. A comunicarlo l’Ufficio federale di statistica che, al 1° giugno 2022, ha contato tra appartamenti e case unifamiliari 61’496 abitazioni vuote, in diminuzione dello 0,23%, dato che non si riscontrava da almeno 20 anni. Il tasso di abitazioni vuote complessivo è diminuito così dall’1,54% dell’anno scorso all’1,31%. Nel complesso, rispetto all’anno precedente, si registra una diminuzione di 9869 abitazioni vuote, pari a ben il 13,8% in meno. Il calo più marcato è stata riscontrato nella Grande Regione del Ticino, sceso dal 2,83% al 2,49%, in Svizzera orientale, sceso dall’1,74 all’1.42% e in Svizzera centrale, dall’1,06% allo 0,75%.

Tasso complessivamente in diminuzione

Nel confronto intercantonale, il tasso minore è di nuovo stato quello del Cantone di Zugo (0,33%). Anche nei Cantoni di Ginevra (0,38%) e Obvaldo (0,48%) al 1° giugno di quest’anno sono stati osservati tassi inferiori al mezzo punto percentuale. Rispetto all’anno precedente i tassi delle abitazioni vuote sono diminuiti in 22 Cantoni e sono aumentati solo in quattro. Il Cantone del Giura (+0,40% attestandosi al 2,96%) ha registrato l’aumento maggiore e quindi anche il tasso di abitazioni vuote più alto della Svizzera. Tassi di abitazioni vuote superiori al 2% sono stati registrati anche nei Cantoni di Soletta (2,66%), Ticino (2,49%) e Neuchâtel (2,20%).

Offerta in calo

In cifre assolute, rispetto al giorno di riferimento dell’anno precedente erano disponibili 9869 abitazioni vuote in meno. I Cantoni che hanno registrato i cali maggiori sono stati quelli di Argovia (–1313 unità), Vallese (–1040 unità) e Vaud (–985 unità). Al pari dell’anno precedente, alla data di riferimento del 1° giugno 2022, il maggior numero di abitazioni vuote è stato registrato nel Cantone di Berna, con 8633 unità. Più abitazioni vuote rispetto all’anno precedente sono state notificate solo nei Cantoni di Giura (+178 unità), Basilea Città (+93 unità), Sciaffusa (+38 unità) e Glarona (+6 unità).

Diminuiscono sia le case in vendita che in affitto

Fino 1° giugno 2022, in locazione era offerto un totale di 52 556 abitazioni vuote, il che corrisponde a una diminuzione di 8219 unità (–13,5%) rispetto all’anno precedente. Anche questa volta, con una diminuzione del 15,6% (–15,7% un anno prima), il calo dell’offerta di appartamenti di proprietà è stato notevole. In totale, al giorno di riferimento erano destinate alla vendita 8940 (–1650 unità) abitazioni vuote.

Le abitazioni nuove sono le più gettonate

Tra le abitazione nuove, di tutta la Svizzera, tra quelle offerte in vendita o in locazione a lungo termine, al 1° giugno scorso, erano 4863, ovvero 2203 in meno dell’anno precedente (–31,2%). Rispetto all’anno precedente, anche l’offerta di case unifamiliari sfitte è diminuita di 661 unità (–10,3%). In totale, al giorno di riferimento, in tutta la Svizzera si annoveravano 5329 case unifamiliari vuote che non hanno trovato né un inquilino né un acquirente.

Quale tipologia di casa è la più disponibile?

Rispetto al 1° giugno 2021 la quantità di abitazioni vuote di qualsiasi categoria (numero di locali) è diminuita. Sebbene i trilocali e i quadrilocali abbiano registrato i maggiori cali su base annua (risp. del –13,8 e –16,8%), sono rimaste le categorie di appartamenti più offerte, rispettivamente con 20 716 e 15 743 unità.

In Ticino

Nel 2022 in Ticino le abitazioni vuote sono 6.262, ovvero 755 unità in meno (0,8%). Si tratta della prima diminuzione in nove anni, ovvero da quando, nel 2014, si era innescata la spirale ascendente, che aveva portato a superare la soglia delle 7.000 unità nel 2021. Questo risultato ha permesso al tasso di abitazioni vuote di scendere al 2,49% (era 2,83% nel 2021). Seppur diminuito, il numero di abitazioni vuote rimane importante, se si considera che nel 2013 ammontava “solo” a 1.819.

Affitto vs vendita

Nel 2022, delle 6.262 abitazioni vuote censite, l’87,7% (5.492 unità; -7,6% rispetto al 2021) era proposto in affitto e il 12,3% in vendita (770; -28,4%). Per la maggior parte si tratta di trilocali (2.201; -10,5%) o quadrilocali (1.464; -15,7%). Il 9,6% si trova in case unifamiliari (604; -3,7%) e il 13,7% in edifici recenti (857; 21,2%). Quest’ultimo dato è piuttosto interessante, se si considera che tra il 2017 e il 2021 il numero di abitazioni vuote in edifici recenti è sempre stato superiore alle 1.000 unità.

Andamento regionale

tasso case vuote
Nel 2022 è la regione delle Tre Valli ad avere il tasso più contenuto, pari all’1,38% (315; -7,4%), mentre è nel Mendrisiotto che si rileva il più elevato: 4,57% (1.595; +7,1%) [F. 1]. A scala comunale i risultati sono estremamente variabili e nel 2022 i comuni che superano la media cantonale sono 24 (erano 25 nel 2021).

E comunale

tasso occupazione case
Considerando i soli comuni con una popolazione superiore a 5.000 abitanti , le proporzioni spaziano dallo 0,89% del comune di Capriasca (40; +25,0%) al 2,81% di Bellinzona (741; -22,8%), dal 3,24% di Locarno (391; +3,2%) e Lugano (1.334; -14,2%) al 4,18% di Massagno (172; +20,3%), per poi arrivare al 10,15% del comune di Chiasso (559; +42,6%). Un comune, quest’ultimo, che dal 2017 è toccato da un importante calo della popolazione residente permanente (fra il 2016 e il 2021, -891 individui; -10,7%).

Iscriviti alla newsletter

CAMBIO EURO/FRANCO SVIZZERO

-

-