Curiosità numismatica: in arrivo Platinum e Ghiacciaio del Morteratsch

Redazione

13 Gennaio 2022 - 10:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Oggi la Zecca federale Swissmint lancia due nuove monete speciali. La moneta «Platinum» è la prima moneta in platino che è messa in vendita solo nella qualità «fondo specchio» e unicamente online. Swissmint lancia inoltre la nuova serie di tre monete «Ghiacciai svizzeri» con l’emissione della moneta bimetallica «Ghiacciaio del Morteratsch».

Curiosità numismatica: in arrivo Platinum e Ghiacciaio del Morteratsch

Con l’emissione della moneta «Platinum» del valore nominale di 25 franchi, Swissmint lancia per la prima volta una moneta speciale in platino. Questa moneta è disponibile solo nella qualità «fondo specchio» e venduta in un astuccio con certificato di autenticità numerato e può essere acquistata solo nel negozio online su www.swissmintshop.ch.

Storia del platino

Il platino è un elemento chimico. Ha un’alta densità ed è significativamente più duro dell’oro. Questo metallo prezioso è molto resistente alla corrosione e ha un punto di fusione di circa 1800 gradi. Fu probabilmente usato per la prima volta nell’antico Egitto intorno al 3000 a.C. Il platino viene utilizzato in diversi ambiti, ad esempio per catalizzatori di mezzi di trasporto, gioielli, monete, attrezzature di laboratorio e di analisi, impianti medici, cardiostimolatori e anche nella terapia contro il cancro. I Paesi più importanti per l’estrazione di questa materia prima sono il Sudafrica, la Russia, il Canada e gli Stati Uniti.

La moneta «Platinum»

Sul lato con l’immagine vi è un’illustrazione moderna della materia prima platino. Tra le altre cose, mostra il simbolo chimico Pt del platino al centro di un ingranaggio. A sinistra del simbolo si trova una colonna con il numero di elettroni per livello, che sommati danno 78, il numero atomico del platino. Sotto il simbolo Pt è raffigurato il numero 195.084, ovvero la massa atomica dell’elemento. Nella parte più bassa dell’immagine è visibile la scritta «PLATINUM» in lettere maiuscole e in corsivo. Il disegno della moneta è stato realizzato da Remo Mascherini, incisore di Swissmint.

La serie dei ghiacciai

La moneta bimetallica «Ghiacciaio del Morteratsch» della serie «Ghiacciai svizzeri», valore nominale di 10 franchi.

Omaggio ai Grigioni

Il Ghiacciaio del Morteratsch è uno dei più grandi ghiacciai delle Alpi e il più grande della regione del Bernina nel Cantone dei Grigioni. Ha raggiunto la sua altezza massima durante la piccola era glaciale a metà del XIX secolo. Da allora, ha perso circa tre chilometri di lunghezza e si ritira ogni anno di circa 40 metri. Sotto la lingua del ghiacciaio, ovvero la fine del flusso di ghiaccio, si sono formate anche diverse grotte attraverso l’acqua di fusione del ghiaccio che scorre. In passato, il Ghiacciaio del Morteratsch arrivava fino alla valle, per questo motivo viene anche chiamato «ghiacciaio di valle». Oggi, il ghiacciaio presenta ancora una lunghezza di circa 6,4 chilometri e una superficie di 14,9 km2.

La prima di tre

La moneta bimetallica «Ghiacciaio del Morteratsch» è la prima della serie di tre monete dedicate ai «Ghiacciai svizzeri». Il lato della moneta da 10 franchi con l’immagine mostra al centro il ghiacciaio incorporato nel paesaggio e l’anello esterno porta la scritta in lingua romancia «Vadret da Morteratsch enturn il 1820» (ghiacciaio del Morteratsch intorno al 1820). La moneta è stata creata da Remo Mascherini, incisore di Swissmint. I prossimi soggetti previsti sono il ghiacciaio di Rosenlaui nel 2023 e il ghiacciaio del Rodano nel 2024.

Nuove serie di monete circolanti

A gennaio 2022 Swissmint emetterà anche le nuove serie di monete circolanti svizzere nelle loro diverse varianti. Oltre alle versioni fior di conio e fondo specchio, sempre molto apprezzate, con la moneta bimetallica «Ghiacciaio del Morteratsch» completano l’offerta la serie di monete «Compleanno» e la richiestissima serie «Baby».