Diplomati USI: il 94% trova lavoro in tre mesi

Laura Bordoli

25 Novembre 2021 - 13:26

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’USI offre una piattaforma di opportunità aperta sul mondo, che si piazza al 14.mo posto tra le università di piccole dimensioni a livello globale.

Diplomati USI: il 94% trova lavoro in tre mesi

Quella di ieri è stata una serata emozionante per 131 studentesse e studenti della Facoltà di comunicazione, cultura e società dell’USI - l’Università della Svizzera Italiana - che hanno ricevuto i diplomi a conclusione dei loro percorsi universitari.
Ai neolaureati, di 15 nazionalità diverse, sono stati consegnati 54 diplomi di Bachelor, 71 di Master e 6 di dottorato.

Cosa riserverà il futuro per loro?

Le statistiche pubblicate ogni anno dall’Università anticipano una carriera lavorativa promettente, con il 94% degli studenti occupati velocemente dopo la laurea in molteplici settori sia a livello internazionale che svizzero.

La cerimonia

La tradizionale cerimonia si è svolta alle 18.15 nell’Aula magna del Campus Ovest Lugano, e ha visto la consegna dei diplomi e l’assegnazione di alcuni premi tra cui il Premio Alma Bacciarini, il Premio ABB e, per la prima volta, il Premio ACSI - Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana.
Ad aprire la cerimonia, il saluto del Rettore dell’USI, Boas Erez, seguito dal discorso del Decano della Facoltà Prof. Luca M. Visconti e delle Vice Decane Prof.sse Katharina Lobinger e Sara Greco sul rapporto tra comunicazione, fiducia e tecnologie.
Oltre all’intervento del coordinatore del dottorato, Prof. Matthew Hibberd, è intervenuta la responsabile del Servizio Alumni dell’USI, Silvia Invrea, che ha illustrato le prospettive occupazionali degli studenti accompagnate da dati e statistiche.

Le prospettive future dei neolaureati

Giovane e agile, l’USI offre una piattaforma di opportunità aperta sul mondo, che si piazza al 14.mo posto tra le università di piccole dimensioni a livello globale.
Gli alunni laureati USI dall’inaugurazione della facoltà nel 1996 ad oggi, sono 10.997, di cui 30.602 nel ramo della comunicazione.

Occupazione

Per scoprire quali siano le prospettive lavorative degli studenti dopo una laurea in comunicazione all’USI, serve consultare i risultati delle indagini che il Servizio Carriere dell’Università svolge ogni anno, intervistando i propri neolaureati.
Dagli ultimi dati emerge che il 94.1% degli studenti trovano un’occupazione velocemente, in circa 3 mesi, dopo aver conseguito il diploma. Addirittura, il 50% risulta occupato prima della laurea.

I settori di occupazione post-laurea

Il primo settore di occupazione dei laureati (36.8%) è quello dei Servizi e largo consumo che comprende una varietà di aziende il cui focus principale non è direttamente la comunicazione (moda, finanza, farmaceutica, trasporti, turismo, edilizia, industrie del cibo e molte altre), ma che necessitano di professionisti per questo compito.

Nel settore Comunicazione, media e digitale trova lavoro circa un terzo degli studenti. Si tratta di aziende legate a mass media (giornali, editoria e radiotelevisione) o alla comunicazione digitale che necessitano di esperti della scrittura, dell’audiovisivo o della gestione delle piattaforme digitali.
Il terzo settore per laureati impiegati è quello dell’Insegnamento, ricerca e cultura (17.2%), a dimostrazione che la comunicazione è parte fondamentale della cultura e di ogni attività correlata.

Infine, il Settore pubblico impiega il 13.5% degli studenti e comprende la pubblica amministrazione, le organizzazioni no profit e la sanità.
Per quanto riguarda il luogo di lavoro, il 35% è occupato in Ticino, il 32% negli altri Cantoni, il 16% in Italia, il 17% a livello internazionale.

L’impegno dell’USI nella ricerca di un’occupazione

Uno dei punti di forza dell’università è il Servizio carriere che assiste gli studenti e i laureati USI che si preparano a entrare nel mondo del lavoro.
Ciò avviene coordinando stage curriculari, offrendo servizi di orientamento professionale e di redazione del proprio dossier di candidatura.

In aggiunta, vengono organizzati eventi di formazione e incontri con numerose realtà professionali oltre a un programma di Mentoring professionale in collaborazione con il Servizio pari opportunità e BPW (Business Professional Women).