Colletti bianchi: a Bellinzona una frode da 300 milioni di franchi

Chiara De Carli

10/05/2022

10/05/2022 - 12:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo il Kpmg Forensic Fraud Barometer nel 2021 le perdite sono aumentate del 37% rispetto all’anno precedente.

Colletti bianchi: a Bellinzona una frode da 300 milioni di franchi

Falso in bilancio, manipolazione del mercato azionario e corruzione sono solo alcuni dei crimini che ogni anno vengono commessi dai cosiddetti colletti bianchi. Un fenomeno diffuso anche in Svizzera non tra criminali loschi e sporchi ma bensì tra donne e uomini ben vestiti, con una buona posizione lavorativa e un salario a volte invidiabile. Nulla di nuovo certo, tanto è vero che nel nostro Paese, secondo l’ultimo Kpmg Forensic Fraud Barometer, nel 2021 i tribunali hanno trattato 68 casi di criminalità dei colletti bianchi, in cui l’importo della perdita è stato di almeno 50’000 franchi. Le perdite complessive di 567 milioni di franchi sono state superiori del 37% rispetto all’anno precedente e comprendevano un caso che rappresentava una perdita di 300 milioni di franchi. Tuttavia, poiché molti casi non vengono nemmeno denunciati, è probabile che le cifre effettive per la criminalità dei colletti bianchi siano molte volte superiori.

"Mi aspetto che vedremo più casi simili nelle prossime edizioni del nostro Barometro delle frodi per effetto ritardato", spiega Anne van Heerden, Head of Forensic presso Kpmg.

Colletti bianchi e istituzioni pubbliche

È così che dirigenti, funzionari pubblici, imprenditori, politici, professionisti si sporcano le mani. Con 25 casi su un totale di 68 esaminati dai tribunali, le istituzioni pubbliche sono state prese di mira con particolare frequenza dai colletti bianchi. In sette casi si sono verificate condanne relative a crediti Covid-19 ottenuti illegalmente.
Il secondo maggior numero di casi giudiziari relativi alla criminalità dei colletti bianchi ha coinvolto società commerciali, con una perdita di 134 milioni di franchi. Gli istituti finanziari sono stati vittime solo in tre casi, ma includevano un singolo caso di frode pari a 300 milioni di franchi, più della metà della perdita totale contabilizzata nel 2021.
foto 1

I privati: gli autori più numerosi

I truffatori professionisti sono stati sostituiti da privati come il più grande gruppo di autori di reati nel 2021. Questo gruppo rappresentava 23 su 68 di tutti i reati impiegatizi processati. L’importo medio della perdita è stato di circa 700’000 franchi.
Con 18 casi per un totale di oltre 123 milioni di franchi, i dipendenti delle funzioni esecutive ("direzione") sono stati il secondo gruppo di autori di reati. L’importo medio della perdita per caso è stato di quasi 7 milioni di franchi, quasi dieci volte superiore al gruppo di privati ​​delinquenti.

"Gli importi dei reati causati dai dirigenti - spiega Anne van Heerden - sono generalmente superiori a quelli dei privati ​​o dei dipendenti. I dirigenti spesso dispongono di entrambe le informazioni privilegiate ed è in una posizione di forza per utilizzare queste informazioni per scopi criminali".

foto 2

La maggior parte dei casi a Zurigo

Zurigo è stata la regione più colpita dalla criminalità dei colletti bianchi lo scorso anno: con 22 casi su 68, ha rappresentato quasi un terzo delle condanne, rispetto agli otto dell’anno precedente. Nella regione lemanica, che ha registrato il maggior numero di casi di colletti bianchi nel 2020 con 19, nel 2021 sono stati ascoltati solo sei casi.
I più grandi casi di criminalità dei colletti bianchi sono stati ascoltati presso il Tribunale penale federale di Bellinzona, compreso il caso più grande con una perdita di 300 milioni di franchi. L’importo medio della perdita dei sei casi più grandi è stato di oltre 70 milioni di franchi. Anche escludendo il caso singolo più grande di 300 milioni di franchi, gli importi medi delle perdite a Bellinzona sono stati molte volte superiori a quelli delle altre regioni.
foto 3

Reato più frequente: frode assicurativa e previdenziale

La tipologia di reato più frequente nel 2021 è stata la frode assicurativa (sociale) con 20 casi processati in tribunale, rispetto agli otto casi del 2020. Ciò è in parte dovuto ai sette casi di frode relativi ai crediti Covid-19 citati in precedenza.

"I colletti bianchi criminali cercano di sfruttare i nuovi regimi legali e le scappatoie nel sistema immediatamente e specificamente per i propri scopi", spiega Anne van Heerden. "Non sorprende che questo fosse anche il caso dei crediti Covid-19".

Anche l’anno scorso sono aumentati i casi giudiziari che coinvolgono truffe. In questi casi, gli autori convincono la vittima a versare un anticipo con false pretese, ma il risarcimento concordato o promesso non si concretizza mai.
foto 4

Metodologia

Il Kpmg Forensic Fraud Barometer copre tutti i casi giudiziari processati in pubblico e riportati dai media nel corso dell’anno. I dati per lo studio sono stati raccolti analizzando più di 5.000 articoli rilevanti di diversi media svizzeri nel 2021. L’attuale edizione del Kpmg Forensic Fraud Barometer includeva solo articoli riguardanti casi di reati dei colletti bianchi che hanno portato a condanne e hanno comportato perdite in eccedenza di 50.000 franchi.

Argomenti

# KPMG