Lago di Oeschinen: alla scoperta di uno dei più grandi laghi alpini svizzeri

Gabriele Stentella

26/06/2021

26/06/2021 - 15:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Nel Canton Berna si trova uno dei più grandi laghi alpini del nostro paese, situato a quasi 1.600 metri di altitudine. Cosa rende così particolare il Lago di Oeschinen? Andiamo a scoprire le meraviglie nascoste tra le sue sponde e nei suoi dintorni.

Lago di Oeschinen: alla scoperta di uno dei più grandi laghi alpini svizzeri

Tra i laghi del Canton Berna si annoverano 8 laghi alpini, situati per lo più nella parte meridionale del Cantone. Con l’arrivo dell’estate anche questi piccoli specchi d’acqua finiscono spesso per divenire la meta prediletta di migliaia di svizzeri in cerca di luoghi più riservati in cui trascorrere dei tranquilli giorni di spensierato riposo.

Uno dei laghi montani più conosciuti di questa parte di Svizzera è senza dubbio il Lago di Oeschinen, che con i suoi 1,6 km di lunghezza e 1 km di larghezza è anche uno dei laghi di origine alpina più grandi del Cantone.

Cosa rende speciale i soggiorni presso questo specchio d’acqua? E quali sono le numerose attività che si possono svolgere in questo territorio?

Lago di Oeschinen: cosa fare in estate e in inverno

Situato nel territorio de piccolo comune bernese di Kandersteg, il Lago di Oeschinen sorge alle pendici della Blüemlisalp, una montagna facente parte delle Alpi Bernesi.

Si raggiunge comodamente grazie a una cabinovia che da Kandersteg porta alle sue immediate vicinanze. Gli avventori possono così percorrere a piedi un sentiero molto apprezzato per la sua bellezza, che si snoda tra pascoli alpini e grandi distese di abeti. Tra la flora alpina si annoverano anche orchidee, genziane e stelle alpine.

Nella stagione estiva le calde acque del lago arrivano anche a temperature superiori ai 20 °C, rendendo gradevoli le nuotate e le traversate in barca da sponda a sponda. L’intera culla rocciosa che ospita il lago è stata iscritta dall’UNESCO nella lista dei luoghi considerati Patrimonio Mondiale. Gli amanti della pesca troveranno inoltre un bacino pescoso, sebbene ovviamente viste le dimensioni del lago questa attività potrebbe essere soggetta ad alcuni restrizioni in determinati periodi. Si consiglia pertanto di informarsi molto bene riguardo i periodi in cui determinati limitazioni alla pesca possono essere vigenti.

In inverno il lago è coperto dal ghiaccio, ma è comunque possibile darsi ad attività come lo scii o le corse in slittino lungo la pista che dalla cabinovia discende per un totale di quasi 3,5 km.

Cosa visitare e fare nei dintorni del Lago di Oeschinen

La prima meta che si è obbligati a raggiungere per poter visitare il lago è ovviamente il già citato borgo di Kandersteg. Ogni anno questa cittadina di poco più di 1.000 abitanti ospita un interessante raduno di giovani scout presso il proprio centro scout internazionale. Si stima che ogni anno siano circa 10.000 i giovani che visitano questo importante centro, che è molto famoso a livello nazionale ed europeo.

Per chi ama sciare Kandersteg mette a disposizione una piccola stazione sciistica specializzata nello scii nordico, ma sul territorio è possibile praticare anche altre discipline invernali. Bisogna ricordare che in questa cittadina si svolsero i campionati mondiali juniores di scii nordico nel 2018.

Per gli amanti della musica si segnala la presenza di un festival annuale incentrato sulla musica Jazz, denominato "Jazz am Doldenhorn". Il prossimo evento avrà luogo tra il 2 e il 4 Luglio 2021 in località Doldenhornstrasse.

A pochi minuti da Kandersteg si trova Kandergrund, villaggio di circa 800 abitanti dal quale agli inizi del XX secolo Kandersteg si distaccò per diventare un comune indipendente. Kandergrund presenta un territorio molto interessante, grazie soprattutto alla presenza del famoso lago Blausee ("Lago Blu" in Tedesco), un altro bacino d’acqua che richiama ogni anno migliaia di turisti grazie alla qualità delle sue acque, caratterizzate da un pittoresco colore blu.

Reichenbach im Kandertal è invece un comune a pochi kilometri da Kandersteg che deve il suo nome soprattutto alla Conferenza di Kienthal (1915), nella quale i principali esponenti dei partiti socialisti europei espressero il loro dissenso nei confronti della Grande Guerra che ormai da un anno vedeva contrapposte le forze dell’Intesa agli Imperi Centrali.

Ma quest’ultima località di cui ci parliamo offre anche numerosi svaghi estivi dovuti soprattutto alla presenza del fiume Kander, la cui valle offre paesaggi mozzafiato che esaudiranno senza dubbio le aspettative di molti amanti della natura e delle escursioni.