Gli svizzeri amano acquistare orologi di seconda mano

Mario Morandi

19 Ottobre 2021 - 10:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Da un recente sondaggio condotto da Deloitte emerge la predilezione dei cittadini svizzeri per l’acquisto di orologi di secondo polso

Gli svizzeri amano acquistare orologi di seconda mano

In questo periodo storico gli orologi di lusso di secondo polso la fanno da padroni. In Svizzera i modelli di orologi usati, prodotti dai più autorevoli marchi di lusso di settore, sono particolarmente ricercati ed apprezzati.

A conferma di questa tendenza commerciale, basti pensare che quasi un consumatore svizzero su 3 (32%) ha intenzione di acquistare nei prossimi mesi un orologio di prestigio di secondo polso. I dati sono emersi da un sondaggio condotto da Deloitte Svizzera, con interviste realizzate ad un numero di 67 dirigenti e di ben 5000 consumatori dell’industria orologiera.

Dopo il brusco arresto del 2020, causato dall’avvento della pandemia su scala globale, i produttori del settore orologiero sono oggi decisamente più ottimisti in vista del futuro.

Il 60% dei produttori internazionali di orologi prevede infatti di raggiungere livelli di vendite importanti entro la fine del 2022, con dati che torneranno a sfiorare i numeri che caratterizzavano le vendite prima della catastrofe commerciale determinata dalla pandemia.

Cina: il mercato più importante del settore dell’orologeria

La Cina rappresenta ad oggi il mercato più importante relativo al settore dell’industria dell’orologeria. Dopo un 2020 estremamente difficile e complicato, le esportazioni nel settore degli orologi di lusso sono finalmente ripartire con vigore.

Questo dato rappresenta un’occasione di salvezza, per moltissimi marchi che operano nel settore orologiero. Un importante partner per le esportazioni è oggi indubbiamente rappresentato dalla Cina.

Per certi versi possiamo affermare che l’avvento della pandemia ha certamente contribuito ad accelerare il processo di predominanza della Cina, come principale partner strategico legato alle esportazioni nel settore dell’orologeria di lusso.

Per tale ragione molti marchi Svizzeri si stanno adattando al fatto che a causa delle restrizioni di viaggio, i clienti cinesi effettuano maggiori acquisti all’interno dei propri confini nazionali.

Perchè si punta fortemente sugli orologi di secondo polso?

Il 44% dei consumatori stanno ad oggi considerando con maggior interesse l’acquisto di un orologio di lusso usato, principalmente per la garanzia di risparmio sul prezzo di acquisto del prodotto.

Un buon numero di consumatori (31%) decide invece di acquistare un orologio di secondo polso, per la volontà di aggiudicarsi un modello vintage e fuori produzione.

Da ultimo, il 26% degli acquirenti di orologi di lusso usati, decide di perfezionare uno o più acquisti a titolo di investimento.

Sostenibilità ambientale: un principio importante per i cittadini svizzeri

Gli svizzeri amano ed incoraggiano la sostenibilità ambientale: la maggior parte dei dirigenti svizzeri ritiene infatti che la sostenibilità rappresenti un valore importante per il proprio business. In tale ottica il 72% dei produttori di orologi svizzeri ha deciso di aumentare esponenzialmente i propri investimenti per promuovere una produzione il più possibile ecologica e sostenibile.

Per quanto concerne i clienti, il 60% circa di questi ultimi dichiara che nella scelta di un orologio, presta attenzione e tiene conto del fattore sostenibilità legato alla filiera produttiva. L’attenzione per la sostenibilità e per l’ecologia aumenta sensibilmente tra i giovani.

Per certi versi possiamo affermare che l’acquirente di un orologio di lusso tende oggi di fatto a pretendere la massima attenzione per la sostenibilità, da parte del produttore.

Per questo motivo, per attirare i clienti più giovani, alcuni importanti marchi produttori svizzeri tendono oggi a comunicare nel modo più trasparente possibile il proprio impegno finalizzato ad una riduzione minima dell’impatto ambientale, nei propri processi produttivi.