Geberit fatturato da record nel 2021. Vendite aumentate in Italia

Redazione

13/01/2022

13/01/2022 - 11:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Rispetto all’anno precedente, il Gruppo svizzero Geberit specializzato nell’impiantistica sanitaria, ha ottenuto un ricavo netto in franchi svizzeri di 3,46 miliardi.

Geberit fatturato da record nel 2021. Vendite aumentate in Italia

Nel 2021, il Gruppo svizzero Geberit ha ottenuto la crescita delle vendite più forte da quando è stato quotato in borsa nel 1999.
Rispetto all’anno precedente, il ricavo netto in franchi svizzeri è aumentato del 15,9% attestandosi a 3,46 miliardi di franchi. Anche rispetto all’anno pre-COVID del 2019, è stata registrata una crescita eccezionalmente forte delle valute locali del 16,4%.
In termini di risultati, il Management prevede un margine di cassa operativo di circa il 31% per l’esercizio 2021. Il bilancio e la relazione annuale per il 2021 saranno pubblicati il ​​9 marzo 2022.

Vendite nette consolidate

L’eccezionale crescita delle vendite è dovuta all’effetto positivo delle attività di ristrutturazione successive al COVID-19, all’accumulo di scorte nel settore edile e all’aumento delle quote di mercato.
Il fatturato netto nel quarto trimestre ha raggiunto i 773 milioni di franchi, il che equivale a un aumento del 6,7% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

I mercati trainanti

Nel 2021 è stata registrata una crescita sproporzionata nei mercati dell’Europa centrale. All’interno di questa area, le vendite nette corrette per la valuta sono aumentate maggiormente in Italia (+25,4%), trainate dagli incentivi concessi dal Governo per le ristrutturazioni.
Austria e Germania hanno nuovamente registrato tassi di crescita rispettivamente del 19,9% e dell’11,9%. Con il 14%, anche i Paesi del Benelux hanno registrato una crescita a due cifre, mentre le vendite nette corrette per la valuta sono aumentate del 7,5% in Svizzera.
L’Europa orientale ha registrato la crescita più forte del 25,4% a causa, tra l’altro, di numerosi aumenti dei prezzi legati alle valute. La penisola iberica (+25,1%), la Francia (+14,9%) e il Regno Unito/Irlanda (+13,0%) hanno registrato tassi di crescita a doppia cifra grazie, tra l’altro, agli effetti base positivi derivanti dal lockdown dell’anno precedente.
I Paesi Nordici hanno registrato un incremento del +7,9%.
Al di fuori dell’Europa, anche l’Estremo Oriente/Pacifico (+28,8%) e il Medio Oriente/Africa (+25,7%) hanno registrato una crescita molto forte. La crescita in America è stata del 5,1%.