Estate record per il turismo in Ticino. Pianezzi, Hotellerie Suisse: "Siamo fiduciosi"

Redazione

17/11/2021

17/11/2021 - 17:25

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo i dati KOF (Centro di ricerca congiunturale) incassi in crescita per i settori alberghiero e della ristorazione nel terzo trimestre 2021.

Estate record per il turismo in Ticino. Pianezzi, Hotellerie Suisse: "Siamo fiduciosi"

Gli alberghi e i ristoranti del Ticino hanno finalmente ripreso a lavorare. E’ quanto emerge dai dati diffusi dal KOF (Centro di ricerca congiunturale), relativi all’andamento del mercato. Che questa estate le attrazioni del Cantone si fossero riconfermate tra le mete preferite dei turisti, specialmente di quelli interni, era già evidente. Ora a confermarlo sono giunti anche i numeri.

Saldo positivo per ristoranti e alberghi

Secondo l’indicatore dei volumi rilevati in Ticino, albergatori e ristoratori hanno registrato uno straordinario aumento dell’attività nei mesi centrali dell’anno. Sono cresciuti i pernottamenti nel settore alberghiero, mentre nella ristorazione sono risultati in ripresa anche i clienti. Un dato che pone le performance turistiche del Ticino tra le migliori di tutta la Confederazione.

Lorenzo Pianezzi, Hotellerie Suisse Ticino

"Per gli operatori del Ticino, la stagione estiva appena trascorsa è stata la migliore degli ultimi 20 anni". A dichiararlo è Lorenzo Pianezzi, presidente di Hotellerie Suisse Ticino, l’associazione che riunisce gli operatori alberghieri del Cantone. "Un risultato straordinario, merito soprattutto della fiducia accordata dagli ospiti interni, cresciuti del 40% rispetto alla media consueta degli scorsi anni".
Pianezzi promuove quindi la grande qualità espressa dal settore alberghiero ticinese, all’altezza delle aspettative dei clienti. "Il nostro Cantone ha riconfermato tutte le peculiarità di primo-sud che lo rendono particolarmente attrattivo".
Ora le attenzioni degli operatori sono rivolte verso gli ultimi mesi dell’anno. "Sono fiducioso, seppure permangano ancora incertezze legate all’andamento dell’emergenza Covid. Per un rilancio della stagione invernale servirebbero eventi culturali di rilevanza nazionale e internazionale, capaci di attrarre una clientela di livello. Da questo punto di vista, il LAC potrebbe giocare un ruolo strategico".