Chronext: rinviata la IPO per le condizioni sfavorevoli

Gabriele Stentella

06/10/2021

06/10/2021 - 16:39

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La società con sede a Zugo ha deciso di rinviare il suo approdo in borsa a causa delle condizioni considerate troppo sfavorevoli.

Chronext: rinviata la IPO per le condizioni sfavorevoli

Per mezzo di un comunicato ufficiale l’azienda zughese Chronext ha rinviato la propria quotazione nella borsa svizzera, inizialmente prevista per il prossimo venerdì.

Si tratta del secondo rinvio per la società che gestisce un importante piattaforma per la vendita e l’acquisto di orologi di lusso dei principali marchi. Infatti la IPO di Chronext si sarebbe dovuta svolgere già nel 2020, ma a seguito del peggioramento della pandemia si decise di rinviare il tutto al 2021.

Analizziamo meglio la notizia e le principali motivazioni che hanno portato i vertici di Chronext a desistere per il momento.

Chonext: tutti i motivi per cui è saltata l’IPO

Sebbene i vertici aziendali siano ancora convinti che la società debba quotarsi in borsa, per il momento gli investitori dovranno attendere ancora prima di poter negoziare il titolo di Chronext alla borsa di Zurigo.

All’origine di questo improvviso dietrofront pare esserci il clima di forte incertezza che da settimane interessa la borsa svizzera, considerando che negli ultimi 30 giorni sia Indice SMI che il listino esteso SMIEXP hanno perso più del 6,5%. In base alle informazioni fornite dalla società, il prezzo iniziale di ogni azione avrebbe dovuto essere compreso tra i 16 e i 21 CHF, con un conseguente aumento del valore societario stimato tra i 520 e i 680 Milioni di Franchi.

Sta di fatto che per il momento non è ancora stata indicata una nuova data per la quotazione in borsa del titolo. Secondo indiscrezioni non ancora confermate, è plausibile che il titolo di Chronext possa comunque fare il suo ingresso in borsa prima del 2022.

Breve storia di Chronext, dalla fondazione al mancato approdo in borsa

Fondata a Zugo nel 2013 dall’imprenditore Philipp Man - che all’epoca aveva solamente 22 anni - Chronext ha raccolto fino a questo momento finanziamenti per un ammontare complessivo superiore ai 18 Milioni di Dollari USA. La società agisce da intermediario tra venditore e compratore di orologi di lusso, ma nel suo catalogo si annoverano oltre 7.000 diverse tipologie di orologi nuovi di zecca, tra i quali spiccano marchi come Rolex, Omega e Breitling. In diversi paesi sono anche disponibili centri fisici per il ritiro delle merci.

Lo scorso anno il fatturato complessivo della società ha superati i 106 Milioni di Franchi svizzeri e nell’esercizio attuale sono attesi incrementi sui ricavi non inferiori al 40% rispetto all’anno precedente. Chronext è operativa specialmente in Germania, paese in cui genera circa il 75% del proprio volume d’affari.

Tra i competitors più importanti di Chronext di contano la società tedesca Chrono24 e il gruppo Richemont, rappresentato dalla sua impresa controllata Watchfinder.

Argomenti

# IPO